ATTENTI AL GATTO: RIVELA I PUNTI DELLA CASA IN CUI NON E’ PRUDENTE SOSTARE A LUNGO

Gli animali domestici sono utilissimi per individuare i punti della casa in cui non è consigliabile trascorrere molto tempo. Cani e gatti, infatti, sono formidabili rivelatori naturali della presenza di geopatie. Del vostro cane vi potete fidare: le sue zone preferite in casa saranno quelle libere da irraggiamenti nocivi. Altri animali che fuggono le geopatie sono cavalli, vacche, maiali, pecore, topi. Evitano le geopatie anche le cicogne: il punto in cui fanno il nido è assolutamente riparato e sicuro. Occorre invece osservare con attenzione il gatto, che va interpretato al contrario: il felino domestico predilige le sollecitazioni sotterranee. E se ve lo ritrovate sempre nello stesso punto del letto, forse è il caso di cambiare posizione.

Altri animali che invece scelgono proprio le zone geopatiche, oltre ai gatti, sono formiche e termiti, api e vespe, insieme alle lumache. Anche la flora, secondo alcuni studiosi, può rivelare l’esistenza di condizioni di stress geopatico. Alberi contorti, mancanza di frutti o la tendenza di alcune piante a essere colpite dai fulmini sarebbero i sintomi più noti. Le distese rigogliose di edera, felci e ortiche indicano la presenza di probabili correnti telluriche. Ed esistono piante curative, come la calendula e la menta, che sprigionano al massimo grado le loro proprietà, come l’aroma, proprio grazie alla stimolazione delle radiazioni sotterranee.

Il metodo sicuro per individuare le geopatie è in ogni caso quello diretto, costituito da una rilevazione sul posto. Di questo si occupano geobiologi e kinesiologi, radioestesisti, domoterapeuti e anche rabdomanti. La stessa Pentater provvede, su richiesta, ad eseguire un attento monitoraggio degli ambienti, di casa e d’ufficio: la diagnostica è affidata al radioestesia, munito di Biotensior. Spesso, se la casa è abitata da un gatto, si scoprirà che i punti in cui il micio preferisce sostare sono proprio quelli interessati da geopatie. In ogni caso, basterà sistemare sul posto il dispositivo idoneo, Geopathic, e il problema sarà risolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *